Vinta una battaglia, ma è ancora guerra sul DDL Concorrenza

Soluzione InfortunisticaNewsVinta una battaglia, ma è ancora guerra sul DDL Concorrenza

Una battaglia importante è stata vinta. Vero anche che una guerra ancora da combattere c’è.

Un animale ferito è ancora più aggressivo, ancora più imprevedibile e disperato.

Un ottimo emendamento al DDL Concorrenza è stato apportato.

L’onorevole Vazio firma l’emendamento in Commissioni Finanze e Attività produttive, dando il LA per la corretta direzione da seguire:

1- Garantire Pieno Risarcimento alle vittime di Danno alla Persona, in egual misura in tutto il Paese, sulla scorta delle tabelle milanesi, garantendo il Danno morale  e la Personalizzazione del danno

2- Cessione del Credito immutata, negazione del Risarcimento in forma specifica connotato unilateralmente a favore delle Compagnie assicuratrici

Ora ci si aspetta una ancora più forte Battaglia per vincere la Guerra del DDL Concorrenza, che si svolgerà al Senato.

L’Ania (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici) ha già ampiamente mostrato lo sdegno per tale decisione, dichiarando che a questo emendamento faranno chiaramente seguito aumenti di tariffe.

Bisognerebbe ricordare a Minucci (presidente Ania) che minacciare aumenti in base alla mancata approvazione nel DDL Concorrenza della propria volontà, atta spesso a ricevere regali da parte del Governo di turno, non denota né professionalità, né maturità.

Bisognerebbe altresì che tutti, in particolar modo gli addetti ai lavori, ricordassero che gli articoli relativi all’RCA contenuti nel predetto DDL Concorrenza, non sono altro che la spudorata e peggiorativa copia dell’art. 8 del Decreto Destinazione Italia di Letta, già stralciato a causa della pesante dimostrazione di incoerenza e chiusura, contro ogni logica di mercato.

Siamo sicuri che il Movimento di libertà di Concorrenza e di Mercato, nato grazie alla volontà delle Compagnie assicuratrici di imbavagliare il settore del Risarcimento del Danno a loro esclusivo vantaggio (e parliamo di DDL Concorrenza?) saprà ancora una volta, ed ogni volta che sarà necessario, darsi da fare per il fine comune.

Potete leggere il comunicato di Federcarrozzieri, Associazione Familiari Vittime della Strada e Assoutenti, qui.

(Fonte Federcarrozzieri)

Leave Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sei stato Danneggiato?